PC Commodore : il compatibile

PC COMMODORE : IL COMPATIBILE
La Commodore ha preso una decisione senza precedenti presentando una macchina compatibile con lo standard altrui, e in questo caso si tratta dello standard Ibm, ossia di quello che è ormai lo standard "industriale" nei settore dei personal computer. Per comprendere l'importanza di questo fatto, occorre ricordare cosa è successo nel corso degli ultimi tre anni sul mercato del personal computer "serio".

20 May 2016 0 comment
(0 votes)
  admin - strongboy

 

commodore il compatibile

Prima che la Ibm presentasse il suo Po, c'erano sul mercato parecchie macchine (soprattutto a 8 bit) con un'incredibile varietà di standard. Tra di esse, la serie Pet della Commodore, i primi modelli Apple e una quantità di altre macchine che operavano in CP/M, ossia il primo vero sistema operativo standard per microcomputer. Anche se il sistema operativo CP/M era pur sempre uno standard, la grande varietà di formati dei dischetti rendeva difficile girare il software su macchine che non fossero della stessa marca. Tutto ciò cambiò quando la gigantesca Ibm Corporation decise di entrare nel mercato dei personal computer. La più grossa fetta del mercato l'hanno le macchine Ibm da 16 bit oppure le macchine compatibile Ibm (specie nel settore aziendale), seguite da Olivetti e Apple, che vende ancora degli Apple II da 8 bit nonché il rivoluzionario Macintosh da 32 bit. Tutto il resto è davvero ben poca cosa. Qual è dunque lo standard Ibm? Perlomeno, consiste nella capacità di eseguire il sistema operativo Ms-Dos, impiegando di solito un chip processore Intel 8086 o 8088 da 16 bit. Idealmente, dovrebbe anche comprendere una compatibilità architettonica dello hardware, in modo di poter estendere la macchina con delle piastre supplementari di circuiti stampati di formato standard (o 'schede'), ad esempio per aggiungere nuove possibilità di comunicazione. Il grado di compatibilità può variare drasticamente. L'effetto più notevole di questo standard è stato la creazione di una quantità enorme di software (per la maggior parte software professionale) capace di girare su queste macchine. In una rivista del settore venivano offerti più di 800 package diversi! Il successo dello standard sta nel fatto che c'è a sua disposizione una quantità ineguagliabile di software. Alcuni lamentano che lo standard Ibm non rappresenti tecnologicamente parlando il meglio e che stia soffocando l'evoluzione del software, ma a mio parere la stabilità che ha portato nel mercato mette a tacere qualsiasi obiezione. Il successo porta alla disponibilità di software, e la disponibilità di software porta la successo, ed è difficile per una nuova macchina spezzare questo circolo vizioso. Sul mercato degli home computer, il 64 si trova in una posizione analoga e infatti dispone di un'eccellente gamma di software. Il tentativo di stabilire un nuovo standard per gli home computer, l'Msx, non sembra aver incontrato molto successo. Ultimamente, negli Stati Uniti l'impatto dello standard Ibm comincia a farsi sentire sul mercato del computer domestico: la gente comincia a dare in permuta i propri Apple II. C'è una netta tendenza verso un uso più "serio" dello home computer: la gente si stufa dei giochi, e comunque non si può ignorare l'enorme quantità di software compatibile Ibm. Questo salto di qualità non è a buon mercato: un Pc Commodore costa quattro volte un 64 con disk drive e monitor monocromatico. D'altro canto, gli utenti americani di computer sono certo più ricchi di quelli inglesi...
E questo Pc Commodore? Avrà qualche effetto sul mercato del compatibile Ibm o resterà solo un ennesimo compatibile Ibm? Questo potrà dirlo solo il tempo, ma vai la pena di tener conto di alcuni fattori. Primo: la macchina è estremamente compatibile, sia come hard che come software {anzi, vorrei che non avessero copiato così pedissequamente la tastiera, che ha tutti i difetti di quella Ibm). Alla presentazione una versione Ibm del word processor Vi-zawrite ha caricato al primo colpo e ha girato magnificamente. La Commodore non pretende di avere il 100% di compatibilità con tutto il software, ma tutto lascia credere che il Pc Commodore sia una delle macchine più compatibili in commercio. Secondo: il prezzo, del 25% inferiore al suo equivalente Ibm, lo pone tra le più economiche delle macchine compatìbili Ibm oggi sul mercato.
Terzo: la fama che la Commodore si è guadagnata con la serie Pet sul mercato del computer aziendale potrebbe dare un bell' impulso alle vendite. Se però nel frattempo (come si mormora da tempo) la Ibm annuncerà l'uscita del Pc2 con un processore più veloce, disk drive da 3,5 pollici e prezzo del 20% inferiore a quello del Pc originale...
Specifiche tecniche
CPU - Processore 8088; Coprocessore 8087 (opzionale); Clock rate 4,77 MHz.
Memoria - Dimensioni RAM principale: RAM Standard 256K; Internamente espandibile a 512K; Esternamente espandibile fino a 640K usando piastre d'espansione a lunghezza piena.
Display - Tubo catodico 12 pollici (fosfori verdi antiriverbero); monitor a colori RGBI da 14 pollici a risoluzione media (disponibile tra breve); Risoluzione alfanumerica bianco e nero 9x14; display caratteri 80x25; il colore e la grafica ad alta risoluzione non sono previsti nella configurazione di base.
Storage - Due disk drive PC-10 a due facciate a doppia densità da 5 pollici e un quarto per 360 Kilobyte; Formato IBM compatibile; 40 piste, 9 settori/pista oppure un solo disk drive da 5 pollici e un quarto per 360 Kbyte più disco duro da 10 Mbyte.
Storage esterno - Il controllore interno floppy disk può gestire fino a 4 drive. Il controllore può sostenere due drive Winchester con una capacità fino ai 70 Mbyte per drive.
Espansione - Cinque fessure d'espansione compatìbili PC a misura piena.
Tastiera - Tastiera staccabile; 85 tasti tra cui 10 tasti di funzione e tastiera numerica; conforme ai requisiti DIN europei.
Interfaccia - Ingresso stampante in parallelo (Centronics); Ingresso RS232C; Output video monocromatico; Output video composito bianco e nero (non compreso nella configurazione standard).
Sistema operativo - MS-DOS.
Linguaggio - GW Basic; Linguaggi di programmazione opzionali: Cobol, Fortran, Pascal, Macro Assembler ecc.
Dimensioni - Unità base (CPU): alt. cm. 14,5, largh. cm. 49, prof. cm. 39; Monitor: alt. cm. 27,7, largh. cm. 30,3, prof. cm. 29,3; Tastiera: alt. cm. 4, largh. cm. 49, prof. cm. 17.
Alimentazione - CPU 240 VAC 170 watt, 50 Hz. Monitor 240 VAC 30 watt, 50 Hz.

Login to post comments

DUMPSCAN.COM un grande sito per voi . . .

siti per C64

siti per VIC20

 

siti per C16 PLUS4

riviste e libri italiani

Rimanete in contatto con noi

Sottoscrivete l'iscrizione mailing list

  • Aggiornamenti
  • Novità
  • Eventi

Contattateci

Italia
T: 000055556666
F: 222277779999
ELenco contatti