Skyfox

Skyfox
Se mi piacerebbe pilotare davvero uno Skyfox ? Certo che mi piacerebbe ! Non dovete far altro che innestare il pilota automatico e rilassarvi finché non sarete nella zona d' operazioni, poi schizzate a 200 miglia all'ora e scendete fino a due metri dal terreno per far fuori i carri armati alieni, poi salite a 36000 piedi e cominciate a duellare con gli aerei nemici.

08 Jul 2016 0 comment
(0 votes)
  admin - strongboy

articolo derivante da : I MAGNIFICI 5/7 - numero 19


skyfox (1) skyfox (2)Potete persino precipitare impunemente: il peggio che vi possa capitare (almeno ai livelli più bassi) è che sullo schermo appaia un messaggio che vi invita a decollare di nuovo prima che vi multino per sosta vietata. Ahi noi, sarà però difficile pilotare davvero uno Skyfox, dato che pur sembrando a prima vista un normale simulatore di volo, Skyfox è un parto della fantasia — uno strano connubio di fantasie militaristiche e di fantascienza. La grafica ci mostra un deserto roccioso decisamente mediorientale in cui si aggirano dei carri armati e dei caccia dall'aria decisamente terrestre — però nelle istruzioni si parla di alieni, di navi madre e di basi. Non si tratta quindi di un altro FighterPilot: lasciate la navigazione ai computer di bordo e della base e dedicatevi a un po' di sana violenza. Per prima cosa, ignorate quella parte delle istruzioni in cui si parla di caricamento multiplo per le diverse missioni. Si tratta di un errore provvidenziale, poiché il gioco è già completo, senza noiose attese per altre parti del codice. In secondo luogo, mentre starete caricando vi accorgerete che mancano assolutamente ie istruzioni per il controllo via tastiera. Se non avete un joystick Kempston o Sinclair, sappiate dunque che sinistra è J, destra è K, tirare il joystick è M e spingerlo è I. E ora siete pronti per affrontare i Rossi — siano essi marziani oppure del tipo più terrestre! Dal menu che apparirà in un baleno nella carlinga, occorre scegliere il livello {ce ne sono cinque, dal mite "Cadetto" al massacrante "Asso della base") e lo scenario. Vi raccomandiamo "Tank Training", in cui potete schizzare a 200 miglia all'ora anche a quote bassissime. È qui che vi accorgerete della bontà della grafica del gioco: anche se i carri armati si avvicinano un po' a balzelioni, essi sono degli sprite monocromi, ben disegnati e ombreggiati. Ci sono anche dei buoni effetti sonori, e come al solito si vorrebbe che la macchina permettesse di alzarne il volume. Questo livello è facile, e per volare dovrete praticamente preoccuparvi solo di virare e di mantenervi il più basso possibile senza grattare il terreno. Può darsi che desideriate allontanarvi accelerando per poi tornare con una picchiata — ma non vi conviene. Ricordate che "più" e "meno" sono i controlli della velocità. Una volta saturi di questo livello, potete passare a Tank Trainign Two: ora i carri armati si sono sparsi sulla mappa, e vi occorrerà il pilota automatico per passare di zona in zona. Premere A non vi darà dei problemi — però bisogna essere pronti all'azione non appena si comincia a decelerare dai due mach. Ci sono tre scenari di Piane Training. Nel primo, il buon vecchio pilota automatico vi mette in coda al nemico: abbattetelo subito, se no vi renderà pan per focaccia. Nel secondo scenario dovrete essere ancor più svelti, poiché vi saranno addosso — mentre nel terzo apparirà una griglia sulla mappa. Scoprirete che i duelli aerei richiedono delle tecniche di pilotaggio un po' diverse e anche una dipendenza molto maggiore dallo scan verticale del vostro radar (intercambiabile con una veduta a volo d'uccello). C'è anche la possibilità di usare i vostri missili ("intelligenti" o guidati), che però sono pochi: armateli con le rispettive iniziali, puntateli sul nemico e poi mollate. Anche qui gli sprite sono belli e rendono davvero l'idea di un fulmineo scontro aereo. Gli altri modi di addestramento vi permettono di conoscere i duelli ad alta e bassa quota, di nascondervi tra le nuvole per poi attaccare il nemico a terra e in cielo, ma ormai avrete voglia di cimentarvi in un po' di azione vera — e Skyfox può offrirvi di tutto, dalia piccola invasione al massiccio sbarco in cui dovrete affrontare e distruggere ben sei navi madre prima che possano inviare altri carri armati e altri aerei verso la vostra base. È qui che emerge la vera strategia: usando la mappa computerizzata della base potrete individuare la posizione del nemico e riuscire così a difendere i vostri punti deboli. Il pilota automatico potrà esservi ancora utile, ma vi occorrerà anche il giudizio umano. Passando dai duelli ad alta e a bassa quota oppure usando i voracissimi postbruciatori per ottenere delle accelerazioni rapide, rimarrete a corto di carburante — e quindi dovrete atterrare alla base per rifornirvi e riparare gli scudi. Anche in questo caso, dovrete ricorrere alla navigazione strumentale. Se vi interessano i particolari di un dato riquadro della mappa, c'è un'utile funzione di ingrandimento zoom. Ogni tanto apparirà lampeggiando il messaggio "Launch Detected", che significa che la nave madre ha inviato un bombardiere contro la vostra base: se volete continuare a giocare, intercettatelo. Se tutto ciò non basta, per tenervi in campana ci sono ben cinque attacchi strategici con navi madre multiple. Per farla breve, Skyfox non è difficile da controllare come Fighter Pilot, e ciò significa che è più facile giocare e divertirsi. A parte alcune obiezioni sui controlli, si tratta di un gioco appassionante che fa schizzare a mille l'adrenalina. Realistico o no, non mi importa chi è il nemico... basta che mi facciate menare le mani!
Cristina Barigazzi


 

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE E VIDEO

LINK A GAMEBASE : Skyfox

 

  

 

  

 

  
Last modified on Friday, 08 July 2016 22:09
Login to post comments

DUMPSCAN.COM un grande sito per voi . . .

siti per C64

siti per VIC20

 

siti per C16 PLUS4

riviste e libri italiani

Rimanete in contatto con noi

Sottoscrivete l'iscrizione mailing list

  • Aggiornamenti
  • Novità
  • Eventi

Contattateci

Italia
T: 000055556666
F: 222277779999
ELenco contatti